Da oltre 60 anni
Sempre dalla tua parte
Da oltre 60 anni
Sempre dalla tua parte

PREFETTURA DI CREMONA : MODELLO DI COMUNICAZIONE PER ATTIVITA' IN DEROGA

  • 24/03/2020

ATTIVITA' FUNZIONALI A QUELLE CHE POSSONO OPERARE DOPO IL DPCM 22/3/2020

DESTINATARI: attività produttive ubicate SOLO sul territorio della Provincia di Cremona che svolgono attività funzionali a quelle essenziali, come da DPCM 22/3/2020 lettere d), g) ed h). 

LE LETTERE d), g) ed h) sono:

d) attività funzionali ad assicurare la continuità delle filiere dei settori di cui all’allegato 1 del medesimo DPCM, dei servizi di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui alla legge n.146/1990 (servizi pubblici essenziali)

g) attività funzionali che gestiscono impianti a ciclo continuo, la cui interruzione dell’attività provocherebbe grave pregiudizio o il pericolo di incidenti 

h) industria dell’aerospazio o della difesa o comunque di rilevanza strategica per l’economia nazionale.

MOTIVAZIONE: la Prefettura di Cremona ha ritenuto di aprire un canale di comunicazione per quelle aziende che sono ubicate nella provincia di Cremona e che operano a sostegno delle attività che a seguito del DPCM del 22/03/2020 possono proseguire le loro attività aziendali in quanto ritenute essenziali in questa fase di emergenza da Covid-19.

ESEMPIO: se fra le attività essenziali vi sono, ad esempio, quelle di produzione di alimenti, non necessariamente con sede nella Provincia di Cremona, ma nella provincia stessa vi sono aziende che ad esempio forniscono imballaggi alle aziende alimentari di cui sopra, queste ultime possono continuare ad operare al servizio di aziende clienti che sono considerate essenziali. 

PROCEDURA DA SEGUIRE: compilare il documento in word allegato, sulla base che si tratti della casistica d), g) oppure h) ed inviarlo, corredato di carta d'identità del legale rappresentante a:

prefettura.cremona@interno.it  indicando nell’oggetto “DPCM 22 marzo 2020 – Comunicazione attività”  

RICORDIAMO CHE VALE IL SILENZIO ASSENSO: IL CHE SIGNIFICA CHE UNA VOLTA INVIATA LA COMUNICAZIONE SI POTRA’ PROSEGUIRE L’ATTIVITA’ SENZA DOVER ASPETTARE LA RISPOSTA E L’AUTORIZZAZIONE DELLA PREFETTURA. TUTTAVIA…

RICORDARE BENE: La Prefettura di Cremona provvederà ad effettuare i controlli necessari nel più breve tempo possibile. Nelle more, in applicazione del principio del silenzio assenso, le attività oggetto di comunicazione possono proseguire. Nel caso in cui l’esito dei controlli e delle verifiche sia positivo non riceveranno alcuna comunicazione. Viceversa, nel caso di verifiche con esito negativo riceveranno comunicazione dalla Prefettura circa la necessità di sospensione immediata. Per le attività già espressamente autorizzate (attività essenziali con il corretto codice ATECO) dall’art. 1, lett. a) del DPCM non è necessario compiere nessun adempimento formale.